Chi Siamo
Sviluppare Business
Consulenza
Comunicazione
Clienti
Photogallery
Archivio
Contatti
Network
Our Work
Big&Small
Unica Italia

15 GENNAIO 2010
Per ricorrenza Sant'Antonio Abate allevatori a Piazza San Pietro


Agroalimentarenews.com - 09.01.2009. Roma - Migliaia di allevatori e le loro famiglie anche quest'anno arriveranno a Roma, da tutta Italia, nella mattinata di sabato 17 gennaio per celebrare in forma solenne la ricorrenza di Sant'Antonio Abate, protettore degli animali e patrono degli allevatori.
L'appuntamento per questo importante evento nazionale che si svolge per il secondo anno consecutivo - promosso dall'Associazione Italiana Allevatori con la collaborazione e la partecipazione delle associate provinciali, regionali e nazionali - e' alle ore 11 a San Pietro per la Santa Messa solenne che sara' celebrata sull'altare maggiore dal Cardinale Angelo Comastri, arciprete della Basilica e vicario del Santo Padre per la Citta' del Vaticano. Al termine della messa il Cardinal Comastri impartira' la benedizione a operatori del settore e animali (bovini, bufali, pecore, capre, cavalli, asini, conigli, polli e cani) ospitati in appositi recinti allestiti dall'Aia in rappresentanza di tutte le specie e razze allevate nel nostro Paese. La ricorrenza di Sant'Antonio Abate - ricorda il presidente dell'Aia Andena - e' sempre stato un appuntamento molto sentito dagli allevatori. Una tradizione antica che si tramanda da secoli e che ancora oggi e' oggetto di una profonda devozione nelle nostre campagne, testimoniata anche dalle immaginette votive esposte nelle stalle. Un giorno speciale, di festa, per il mondo zootecnico nazionale, per invocare la benedizione e la protezione del Santo sugli uomini, i loro animali e i prodotti della terra. Un'occasione speciale altresi' - rimarca Andena - a cui l'Aia intende continuare a dare il piu' ampio risalto possibile anche per ricordare a tutti l'impegnativo lavoro svolto dagli allevatori italiani per assicurare il proprio apporto al bene comune. Allevare, nutrire, mantenere sano il bestiame per garantire ai cittadini alimenti di prima necessita' quali latte, carne, formaggi o salumi - ottenuti nel rispetto dell'ambiente, del benessere degli animali e dei piu' alti livelli di sicurezza alimentare - vuol dire presenza continua negli allevamenti, impegno faticoso e quotidiano troppo spesso sottovalutato; una scelta di vita ed una sfida ogni giorno piu' coraggiosa". La festa di Sant'Antonio Abate e' per l'Aia anche un modo di rendere omaggio ai veri protagonisti della zootecnia nazionale: allevatori, tecnici, operatori ai piu' diversi livelli, che rappresentano un importante patrimonio di competenza e professionalita'. Anche per questo il presidente dell'Aia, Nino Andena, invita i cittadini romani ad unirsi alla festa degli allevatori portando i propri "amici a quattro zampe", animali domestici da compagnia e d'affezione, a benedire nella Piazza Pio XII di fronte al colonnato della Basilica.
Nato nel villaggio di Coma, nel cuore dell'Egitto, intorno al 250 d.C., Sant'Antonio Abate e' morto ultracentenario nel deserto della Tebaide il 17 gennaio del 356, nel suo eremo sul monte Qolzoum. Seppellito in un luogo segreto, soltanto nel 561 fu scoperto il suo sepolcro e le reliquie cominciarono un lungo viaggio, da Alessandria d'Egitto a Costantinopoli, fino in Francia, dove, tra il IX e il X secolo, a Motte - Saint-Didier, fu costruita una chiesa in suo onore e dove sorse l'ordine degli Ospitalieri, detti appunto "Antoniani"; ordine poi approvato nel 1095 da Papa Urbano II e che avra' proprio il compito di prestare aiuto ed assistenza ai malati di "fuoco sacro". Attualmente e' sepolto nella chiesa di Saint Julien, ad Arles (Francia). Antonio Abate, cresciuto in una famiglia cristiana di agricoltori, dopo la morte dei genitori, tra i 18 ed i 20 anni, si ritiro' nel deserto della Tebaide (Alto Egitto) a lavorare e pregare, in un'antica tomba scavata nella roccia, rispondendo con digiuni e penitenze ad ogni genere di tentazioni del demonio. E' l'ispiratore del motto "Ora et labora", poi adottato dai Benedettini. Nell'iconografia della Chiesa il Santo e' quasi sempre effigiato con a fianco il maialino. Per questo nella religiosita' popolare il maiale comincio' ad essere associato al grande eremita egiziano, considerato il santo patrono di questa specie e, per estensione, di tutti gli animali domestici e della stalla.
Cosi' il patrono degli animali preserva maiali, buoi, cavalli, galline, conigli e tutte le altre bestie del podere da ogni epidemia e da ogni disgrazia. Nella sua iconografia compare, oltre al maialino, anche il bastone degli eremiti a forma di T, la "tau" ultima lettera dell'alfabeto ebraico e la campanella, quasi sempre in mano al Santo. Nel giorno della sua festa liturgica, il 17 gennaio, si benedicono le stalle e si portano a benedire gli animali domestici sui sagrati delle chiese. E' anche patrono di quanti lavorano con il fuoco, come i pompieri, perche' guariva da quel fuoco metaforico che era l'herpes zoster, nota appunto come "fuoco di S. Antonio" o "fuoco sacro". Per millenni, ed ancora oggi, si usa in molti paesi accendere nella ricorrenza i "falo' di Sant'Antonio", che avevano una funzione purificatrice e fecondatrice, come tutti i fuochi che segnano il passaggio dall'inverno alla primavera.

News / mostra tutte
24 Novembre 2017
intervista di Mauro Loy su RAI 3

Nel programma di approfondimento mattutino del TGR Lazio, Mauro Loy ha presentato il Rapporto elaborato da Methos &...

23 Novembre 2017
Concluso il decennale di Big&Small

Il commercio a Roma vale 14 miliardi di euro. Una stima potenziale dei consumi che rappresenta i...

12 Novembre 2017
Big&Small dieci_Il programma

ROMA CAPITALE.

Nel decennale di Big&Small, Methos presenterà La Geografia commerciale di roma. ...


L'analisi di Methos sul commercio a Roma

Nel decennale di Big&Small, Methos presenterà La Geografia commerciale di roma. Mappatura ed opportunità di sviluppo per la filiera distributiva": un importante lavoro di analisi e monitoraggio della situazione commerciale romana, ...


Big&Small. La decima edizione

Big&Small la decima edizione è in programma a Roma all'Hotel Rome Cavalieri (Via Cadlolo, 101) il 22 Novembre 2017 alle ore 10.00

La decima edizione dal titolo “Roma Capitale. La via del commercio, la citt&agrav...


Artigiani del Cibo. Il think tank sull'artigianato enogastronomico

 “Artigiani del Cibo” : nasce il think thank sull’artigianato enogastronomico per promuovere un mercato trasparente e rivendicare il diritto dei consumatori ad un cibo buono, sano e nutriente. 

Il 21 Giugno...




Home       Chi siamo       Contattaci       Privacy e Cookie Policy

Methos S.r.l.      Reg. Impr. Roma, Cod. Fiscale, Part. IVA 04460801006      R.E.A. Roma N. 768665      Cap. Soc. 10.400,00 I.V.