Chi Siamo
Sviluppare Business
Consulenza
Comunicazione
Clienti
Photogallery
Archivio
Contatti
Network
Our Work
Big&Small
Unica Italia



20 MAGGIO 2015
Il valore dell'olio, Il manifesto dell'olio artigianale


Mauro Loy partecipa alla pubblicazione editoriale “Il valore dell’olio” curata da Mauro Pacelli e Giampaolo Sodano, con il capitolo “La Grande Distribuzione”.

La pubblicazione si compone di due volumi che sono il risultato di un lungo percorso di conoscenza e di approfondimento dei problemi connessi alla produzione e alla commercializzazione dell’olio dalle olive. Al progetto editoriale hanno partecipato imprenditori oleari, professori universitari, nutrizionisti, avvocati, giornalisti, medici e agronomi.

Di seguito riportiamo il testo di Giampaolo Sodano pubblicato su artisanpost.it che descrive la nascita e lo sviluppo del progetto editoriale:

“Quando uno di noi ha trovato in un supermercato una pubblicazione promozionale dei prodotti del territorio che per quanto riguardava l’olio di frantoio riproduceva una parte di un testo pubblicato in un volumetto divulgativo edito dall’AIFO, ci siamo resi conto che il livello delle conoscenze di quei problemi era molto scarso, tanto da indurre il distributore ad attingerle da una pubblicazione che certamente non aveva pretese di completezza. Era l’ennesima prova della carenza di cultura che circonda questo prodotto e della scarsa informazione a proposito dell’olio d’oliva: esiste per il vino, si va sviluppando per il pane, è a buon punto per la pasta secca, ma per l’olio d’oliva finora è stato il buio. Abbiamo ritenuto che questa carenza culturale potesse iniziare ad essere colmata, in particolare a proposito dell’olio prodotto dai frantoi artigiani.

Una corretta conoscenza della filiera produttiva e della distinzione tra il cibo confezionato dall’industria e quello prodotto dagli artigiani è presupposto indispensabile per un discorso più ampio riguardante tutto il settore della trasformazione agro-alimentare. È certo che al momento attuale per il consumatore non è chiaro, quando acquista un prodotto per la sua alimentazione, quale sia la filiera produttiva: la normativa attuale consente addirittura di non indicare in etichetta lo stabilimento di produzione, sostituito dal marchio del distributore. Così il prodotto artigiano annega nel grande mare di una produzione anonima, seriale, inserita in aree geografiche che, come avviene ad esempio per i gelati, superano di gran lunga i confini nazionali ignorando le peculiarità del territorio. Riteniamo che questa sia una conseguenza ineluttabile del processo di industrializzazione e della globalizzazione dei mercati, ma riteniamo anche che, nel rispetto delle scelte consapevoli del consumatore, debba essere salvaguardata quella filiera produttiva che, nel caso dell’olio d’oliva come in tanti altri casi, affonda le sue radici nella professionalità del produttore, nella sua creatività a proposito della definizione delle caratteristiche del prodotto, nel legame con il territorio attraverso l’uso della materia prima locale. Questa professionalità può essere garanzia anche della genuinità di ciò che il consumatore acquista: il responsabile della produzione è una persona fisica e nel prodotto, per usare un’espressione corrente, ci mette la faccia: la frode diventa molto più difficile, i trucchi e trucchetti sicuramente più rari (anche per il timore delle conseguenze).

Ecco così delinearsi un disegno strategico al quale i due volumi ora pubblicati vogliono offrire un contributo: stimolare e riconoscere la professionalità del responsabile della produzione (la legge n. 9 della Regione Puglia che identifica la figura del mastro oleario è un passo in questa direzione), legare il riconoscimento della qualificazione “prodotto artigianale” non solo alle caratteristiche specifiche dell’azienda produttrice ma anche al rispetto di precisi canoni produttivi (attraverso l’adesione volontaria del produttore ad un codice etico) quando si tratti di prodotti destinati all’alimentazione umana, rivedere il sistema sanzionatorio delle frodi alimentari (come sta facendo il ministero della giustizia), rendere il consumatore consapevole dei danni o dei benefici per la salute conseguente alla utilizzazione di questo o quel prodotto: è un disegno aperto al contributo di tutti, sostenuto da una utopia di pochi (per ora), una provocazione nei confronti di coloro che nulla vorrebbero cambiare. Tutto questo abbiamo voluto dire con “il valore dell’olio”: Massimo Troisi avrebbe chiesto scusa per il ritardo”.


News / mostra tutte
24 Novembre 2017
intervista di Mauro Loy su RAI 3

Nel programma di approfondimento mattutino del TGR Lazio, Mauro Loy ha presentato il Rapporto elaborato da Methos &...

23 Novembre 2017
Concluso il decennale di Big&Small

Il commercio a Roma vale 14 miliardi di euro. Una stima potenziale dei consumi che rappresenta i...

12 Novembre 2017
Big&Small dieci_Il programma

ROMA CAPITALE.

Nel decennale di Big&Small, Methos presenterà La Geografia commerciale di roma. ...


L'analisi di Methos sul commercio a Roma

Nel decennale di Big&Small, Methos presenterà La Geografia commerciale di roma. Mappatura ed opportunità di sviluppo per la filiera distributiva": un importante lavoro di analisi e monitoraggio della situazione commerciale romana, ...


Big&Small. La decima edizione

Big&Small la decima edizione è in programma a Roma all'Hotel Rome Cavalieri (Via Cadlolo, 101) il 22 Novembre 2017 alle ore 10.00

La decima edizione dal titolo “Roma Capitale. La via del commercio, la citt&agrav...


Artigiani del Cibo. Il think tank sull'artigianato enogastronomico

 “Artigiani del Cibo” : nasce il think thank sull’artigianato enogastronomico per promuovere un mercato trasparente e rivendicare il diritto dei consumatori ad un cibo buono, sano e nutriente. 

Il 21 Giugno...




Home       Chi siamo       Contattaci       Privacy e Cookie Policy

Methos S.r.l.      Reg. Impr. Roma, Cod. Fiscale, Part. IVA 04460801006      R.E.A. Roma N. 768665      Cap. Soc. 10.400,00 I.V.